Salta al contenuto principale
Attendere prego...
Tutte le Agevolazioni fiscali di Industria 4.0: cosa sono e come utilizzarle - Tiny-MES per il controllo produzione

Industria 4.0: tutte le Agevolazioni fiscali e come utilizzarle

Le agevolazioni che riguardano Industria 4.0 sono tante, e può essere difficile tenersi al passo. Ecco un elenco completo e aggiornato di tutte le agevolazioni che riguardano Fabbrica 4.0, con tutte le informazioni necessarie per aiutarti a scegliere l’agevolazione giusta.

 

Iperammortamento

A chi si rivolge l’Iperammortamento?

Possono beneficiare dell’agevolazione tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, comprese le imprese individuali assoggettate all’IRI, con sede fiscale in Italia, incluse le stabili organizzazioni di imprese residenti all’estero, indipendentemente dalla forma giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano.

Che cosa agevola?

L’imperammortamento è un’agevolazione fiscale che consiste nella supervalutazione degli investimenti in beni materiali nuovi, dispositivi e tecnologie abilitanti la trasformazione in chiave 4.0 acquistati o in leasing.

Quali sono i requisiti?

Il requisito principale è investire in beni strumentali nuovi, in beni materiali e immateriali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi previsti dal Piano Impresa 4.0.

In particolar modo l’iperammortamento è mirato ad imprese che operano nel settore industriale e che mira ad incentivare investimenti in industria 4.0 con l’aggiunta di tecnologie per l’agricoltura di precisione e per l’abbattimento di consumi energetici.

Quanto puoi recuperare?

L’iperammortamento si basa su un sistema di recupero a scaglioni, questo è quanto puoi recuperare:

  • investimento fino a 2,5 milioni di euro: puoi recuperare il 170% dell’investimento;
  • investimento compreso tra i 2,5 milioni e i 10 milioni di euro: puoi recuperare il 100% dell’investimento;
  • investimento compreso tra i 10 milioni e i 20 milioni di euro: puoi recuperare il 50% dell’investimento;
  • sulla parte dell’investimento che supera i 20 milioni di euro non è possibile recuperare nulla.

 

Nuova Sabatini

A chi si rivolge la Nuova Sabatini?

Possono beneficiare della Nuova Sabatini le imprese che abbiano i seguenti requisiti:

  • siano iscritte al registro delle imprese
  • non abbiano ricevuto aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione Europea
  • non siano sottoposte a liquidazione volontaria
  • non abbiano attive procedure concorsuali
  • non siano in difficoltà economica
  • abbiano una sede operativa in Italia.

La misura coinvolge tutti i settori produttivi, compresi agricoltura e pesca. Le uniche eccezioni sono attività finanziarie e assicurative legate all'esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione.

Che cosa agevola?

La Nuova Sabatini è un contributo creato dal MISE al fine di agevolare le imprese ad accedere agevolmente al credito bancario in funzione dell’acquisto diretto o in leasing dei seguenti beni:

  • Macchinari
  • Attrezzature
  • Impianti
  • Beni strumentali ad uso produttivo
  • Hardware
  • Software
  • Tecnologie digitali

Quali sono i requisiti?

I beni devono essere nuovi e riferiti alle immobilizzazioni materiali per “impianti e macchinari”, “attrezzature industriali e commerciali” e “altri beni”, nonché software e tecnologie digitali.

Non sono ammissibili le spese relative a terreni e fabbricati, relative a beni usati o rigenerati, nonché riferibili a “immobilizzazioni in corso e acconti”.

Gli investimenti devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • autonomia funzionale dei beni;
  • correlazione dei beni oggetto dell’agevolazione all’attività produttiva svolta dall’impresa.

Quanto puoi recuperare e come?

Il contributo è pari agli interessi calcolati sul piano di ammortamento a rate semestrali al tasso di 2,75% annuo per 5 anni.

Alle imprese che fanno domanda di accesso al contributo e che effettuano l’investimento per acquistare beni strumentali o acquisirli in leasing spetta:

  • investimento coperto da un finanziamento bancario o leasing fino all’80% dell’importo dal fondo di garanzia PMI;
  • un finanziamento con durata massima di 5 anni e di importo compreso tra 20.000 euro e i 2 milioni di euro;

 

Ricerca e Sviluppo

A chi si rivolge Ricerca e Sviluppo?

Questa opportunità è dedicata a tutte le aziende con fiscalità italiana senza limiti di fatturato e indipendentemente dalla loro forma giuridica e dal settore di appartenenza.

Che cosa agevola?

Ricerca e Sviluppo agevola gli investimenti in ricerca e sviluppo volti a realizzare innovazioni di processo fra i quali è ricompreso lo sviluppo sperimentale di applicativi e di software.

Quali sono i requisiti?

Possono accedere a ricerca e sviluppo tutte le aziende che hanno una stabile organizzazione in Italia (anche se non residenti), di qualsiasi ordine giuridico, a prescindere dal settore economico in cui operano e dal regime contabile fiscale che hanno adottato.

Quanto puoi recuperare?

Con questa agevolazione si recupera il 50% dei costi in ricerca e sviluppo.

Nel tema Industria 4.0 il legislatore intende promuovere le attività innovative di ricerca e sviluppo ed automazione. Infatti l’accesso è dato a progetti da un minimo di € 30.000 ad un massimo di € 20.000.000 entro l’esercizio.

Il credito d’imposta sarà allegato alla dichiarazione dei redditi dell'anno in oggetto; inoltre non concorre alla formazione del reddito, né alla formazione della base imponibile Irap.
 

Start Up e PMI Innovative

Per chi è?

Questo strumento della finanza agevolata si rivolge alle Startup Innovative localizzate su tutto il territorio nazionale iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese, che possiedono i requisiti di cui all’articolo 25 del decreto legge n. 179/2012.

Che cosa agevola?

Smart & Start è una misura messa a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico che si pone come obiettivo quello di promuovere la diffusione di nuova imprenditorialità legata all’economia digitale per valorizzare i risultati della ricerca tecnologica e scientifica.

Quali sono i requisiti?

Sono ammissibili i piani di impresa che presentano almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • Significativo contenuto tecnologico e innovativo;
  • Sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale;
  • Valorizzazione economica dei risultati nel sistema della ricerca pubblica e privata.

Quanto puoi recuperare e come?

Attraverso la misura Smart & Start il richiedente può beneficiare di:

  • Un finanziamento agevolato senza interessi di valore pari al 70% delle spese elevabile all’80% nel caso in cui la società sia costituita interamente da donne, da giovani di età non superiore a 35 anni o che sia presente all’interno della startup un esperto con il titolo di dottore di ricerca.
  • Un servizio di tutoring che permette di usufruire di servizi specialistici identificati in base alla tipologia di startup innovativa.

 

Voucher per l’assunzione di un Innovation Manager

Che cos’è?

È un contributo a fondo perduto, sotto forma di voucher, a supporto delle PMI italiane che si avvarranno di consulenze di natura specialistica finalizzate a sostenere i processi di innovazione tecnologica e digitale attraverso le tecnologie previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0.

Per chi è?

Per tutte le aziende con sede in Italia, senza limiti di fatturato o settore di appartenenza.

Che cosa agevola?

Agevola l’assunzione di un Innovation Manager, per aiutare l’azienda a digitalizzarsi.

Quali sono i requisiti?

Condizione fondamentale per poter beneficiare del contributo della finanza agevolata è la sottoscrizione di un contratto di servizio di consulenza tra le imprese o le reti di imprese beneficiarie e una società di consulenza o un manager qualificato iscritto nell’elenco che verrà istituito con apposito Decreto da parte del Mise entro 90 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2019.

Quanto puoi recuperare e come?

  • Per le micro e piccole imprese: pari al 50% dei costi sostenuti con un limite massimo di 40mila euro;
  • Per le medie imprese: pari al 30% delle spese sostenute entro un limite massimo di 25mila euro;
  • Per le reti di imprese: il 50% dei costi sostenuti ed entro un limite di 80 mila euro complessivi.

Le risorse messe a disposizione ammontano complessivamente a 75 milioni di euro con una dotazione pari a 25 milioni di euro per ciascuno degli anni 2019-2020-2021.

 

Bando SI 4.0

Che cos’è?

Le Camere di Commercio lombarde hanno approvato il progetto “Punto Impresa Digitale” (PID), al fine di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese di tutti i settori economici.

Per chi è?

I soggetti beneficiari sono le micro, piccole e medie imprese che abbiano al loro interno competenze nello sviluppo di tecnologie digitali e presentino un progetto che riguarda almeno una delle tecnologie di innovazione digitale 4.0.

Che cosa agevola?

Il bando “Bando per lo Sviluppo di soluzioni innovative I4.0 2019” è volto a:

  • promuovere lo sviluppo di soluzioni, prodotti e/o servizi innovativi focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Nazionale Impresa 4.0;
  • sviluppare la capacità di collaborazione tra MPMI e tra esse e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0, in una logica di condivisione delle tecnologie e attraverso la realizzazione di progetti in grado di mettere in luce i vantaggi ottenibili attraverso il nuovo paradigma tecnologico e produttivo;
  • stimolare la domanda di servizi per il trasferimento di soluzioni tecnologiche e/o realizzare innovazioni tecnologiche e/o implementare modelli di business derivanti dall’applicazione di tecnologie I4.0.

Quali sono i requisiti?

Sono ammissibili sperimentazione, prototipazione e messa sul mercato di soluzioni, applicazioni, prodotti/servizi innovativi Impresa 4.0 prontamente cantierabili e che dimostrino il potenziale interesse di mercato. Le soluzioni proposte potranno essere rivolte direttamente 7 al consumatore finale oppure rispondere ai bisogni di innovazione dei processi, prodotti e servizi sia di altre MPMI che di grandi imprese. I progetti dovranno riguardare almeno una delle tecnologie di innovazione digitale 4.0 riportati nei successivi elenchi:

Elenco 1

Utilizzo delle seguenti tecnologie, inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi:

  • soluzioni per la manifattura avanzata
  • manifattura additiva
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D)
  • simulazione
  • integrazione verticale e orizzontale
  • Industrial Internet e IoT
  • cloud
  • cybersicurezza e business continuity
  • big Data e Analytics
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera finalizzate all’ottimizzazione della gestione della supply chain, della value chain e della gestione delle relazioni con i diversi attori (es. sistemi che abilitano soluzioni di Drop Shipping, di “azzeramento di magazzino” e di “just in time”)
  • software, piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio incluse attività connesse a sistemi informativi e gestionali - ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, etc. - e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento (RFID, barcode, ecc)
  • software, piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio incluse attività connesse a sistemi informativi e gestionali - ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, etc. - e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento (RFID, barcode, ecc)
  • soluzioni e progetti inerenti l’applicazione e implementazione della tecnologia Intelligenza Artificiale soluzioni e progetti inerenti l’applicazione e implementazione della tecnologia Blockchain

Elenco 2

Utilizzo di altre tecnologie digitali, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente Elenco 1:

  • sistemi di e-commerce
  • sistemi di pagamento mobile e/o via internet e fintech
  • sistemi EDI, electronic data interchange
  • geolocalizzazione
  • tecnologie per l’in-store customer experience
  • system integration applicata all’automazione dei processi

Sono ammissibili esclusivamente spese relative ad una o più tecnologie tra quelle previste nel precedente elenco. In particolare sono ammissibili le seguenti tipologie di spesa:

  1. Consulenza erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati dei servizi elencati
  2. Formazione erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati tramite soggetto individuato dal fornitore qualificato (in tal caso tale soggetto deve essere specificato in domanda), riguardante una o più tecnologie tra quelle previste
  3. Investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto;
  4. Servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware e prodotti relativi al progetto erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati dei servizi elencati;
  5. Spese per la tutela della proprietà industriale;
  6. Spese del personale dell’azienda solo se espressamente dedicato al progetto (fino a un massimo del 30% della somma delle voci di spesa.

Nell’ambito del progetto, la somma delle spese c), d) ed e) non può essere inferiore al 25% del totale delle spese ammissibili.

Quanto puoi recuperare e come?

  • Le risorse complessivamente stanziate per l’iniziativa ammontano a € 2.035.000,00;
  • Il contributo è pari al 50% dei costi ammissibili;
  • L'investimento minimo è 40.000,00 euro;
  • L'importo contributo massimo è 50.000,00 euro;

A fronte dell’esaurimento delle risorse disponibili l’entità del contributo potrà essere inferiore al 50% delle spese considerate ammissibili.

 

Vuoi scoprire come ottenere queste agevolazioni? Contattaci

Principalmente a che cosa sei interessato?


Dorsale di Fabbrica
Iperammortamento
Interconnessione
Software Tiny-MES
Consulenza Produzione


Vuoi richiedere qualcosa di Particolare?


I tuoi Dati



Acconsento al trattamento di questi dati secondo le norme del GDPR


Dati dell'Azienda




Conferma che non sei un Robot








La Tua email è stata inviata



Grazie per averci Contattato

Un nostro consulente ti ricontatterà al più presto!




Chi Siamo

Il Softwware MES per la Gestione della Produzione a Misura d'Impresa. Scopri chi siamo sui nostri social: